Notizie

Chi Siamo

Le notizie riguardanti le nostre attività

vai

Corsi

Iscritti

I corsi di formazione del Collegio

vai

Iscritti

Organigramma

L'elenco completo degli iscritti al Collegio

vai

Newsletter

Contatti

Iscriviti e resta informato sulle nostre attività

vai

Il corso avrà una durata complessiva di 24 ore ed è valido come riconoscimento di Crediti Formativi Professionali per gli iscritti al Collegio degli Agrotecnici e degli Agrotecnici laureati.

Il principale obiettivo del Corso di formazione è far conoscere le tecniche di Ingegneria Naturalistica, in quanto idonee a concorrere alla manutenzione del territorio agricolo e delle reti stradali rurali, soprattutto in aree protette.

E' ormai tristemente nota l'emergenza legata al dissesto idrogeologico che colpisce principalmente le zone collinari a prevalente destinazione agricola. E' proprio sul ruolo degli agricoltori che intendiamo fare leva affinché possano riappropriarsi di conoscenze antiche ”, oggi riproposte in chiave moderna dall’Ingegneria Naturalistica.

Chi vive il territorio agricolo può in tal modo diventare soggetto attivo nel recupero e nella realizzazione di sistemazioni idraulico-agrarie, nella consapevolezza che é sempre preferibile favorire il “presidio” e la “manutenzione” periodica del territorio, piuttosto che la “ricostruzione” con urgenza in condizioni di emergenza.

La manutenzione e la cura dei terreni agricoli sono oggi una “scelta obbligata”, in quanto le sole in grado di potenziare la resilienza del territorio e renderlo meno fragile ed esposto agli eventi meteorici di maggior energia, che i cambiamenti climatici in atto generano.

L’Ingegneria Naturalistica è una disciplina tecnica che utilizza le piante vive a scopi antierosivi, stabilizzanti e di consolidamento, anche in abbinamento con materiali naturali e/o artificiali.

L’IN è caratterizzata da una spiccata multidisciplinarità, coinvolgendo diverse figure professionali: Geologi, Ingegneri, Botanici, Agronomi, Forestali,Architetti, Agrotecnici, Periti Agrari e Geometri.

La disciplina è utilizzata in ambito di versante, fluviale, per il recupero di cave e discariche e per interventi di mitigazione e compensazione connessi alla realizzazione di infrastrutture.

Le tecniche di IN sono contraddistinte da un bassissimo impatto ambientale, favoriscono il recupero paesaggistico e consentono di operare anche in somma urgenza; sono quindi particolarmente adatte per interventi in zone di pregio naturalistico come le aree protette.

Durante il corso verranno inoltre fornite nozioni di fitodepurazione, tecnica ancora poco utilizzata ma molto efficace per il trattamento delle acque reflue.
Il corso è suddiviso in 16 ore di lezioni teoriche per l’apprendimento delle principali tecniche e campi di applicazione dell’Ingegneria Naturalistica ed in 8 ore che verranno dedicate allo svolgimento di un cantiere didattico, grazie al quale sarà possibile mettere in pratica le conoscenze acquisite durante il corso.

E’ prevista anche un’escursione didattica per vedere i principali interventi di I.N. già realizzati in provincia dell’Aquila.

Scarica la brochure

News dal Collegio